Interfacce multimodali e adattive

6 cfu

Docente: Antonio Camurri
SSD: ING-INF/05
Ore di lezione: 36
Ore di studio individuale: 114

Obiettivi formativi specifici:

  • Il corso si propone di approfondire il ruolo che le scienze e tecnologie dell’informazione e della comunicazione giocano nei settori della cultura e delle arti. Esse costituiscono non solo dei nuovi strumenti ma dei veri e propri catalizzatori in grado di influire sulla evoluzione di nuovi paradigmi e linguaggi nelle arti e nella cultura. Il corso presenta concetti, teorie e tecniche alla base delle recenti evoluzioni dei linguaggi multimediali, con particolare riferimento ai settori del teatro musicale, della musica, della danza, dei beni culturali, e dei settori emergenti nelle arti legati alle nuove tecnologie. Il sistema EyesWeb (www.eyesweb.org), realizzato dal nostro Ateneo (www.casapaganini.org) è utilizzato per lezioni ed esercitazioni.

Contenuti essenziali:

  • Il corso prevede una parte iniziale di alfabetizzazione teorica e pratica sulla multimedialità e multimodalità (inclusi fondamenti su percezione, embodiment, enactivity, nozioni su acustica, psicoacustica), linguaggi e strumenti del settore audiovisivo, nuovi linguaggi delle arti basati su interazione in tempo reale e partecipazione del fruitore all’opera d’arte. La seconda parte del corso affronta diversi scenari reali attraverso esemplificazioni, testimonianze, atelier ed esercitazioni su bozzetti tratti da progetti reali, allo scopo di consolidare i concetti esposti nella prima parte. Gli scenari analizzati sono i seguenti:
    • Tecnologie nel teatro musicale e nella danza: da allestimenti tradizionali in cui la tecnologia multimediale consente di ottimizzare il processo produttivo (tempi e costi), allo stato dell’arte in allestimenti di opere contemporanee: ad esempio, arte elettronica, arte interattiva, installazioni, concerti e opere multimediali, arte su internet, danza e tecnologia, arte e realtà virtuale.
    • Analisi di realtà emergenti nell’arte e nella cultura derivate dalla evoluzione delle tecnologie della informazione e della comunicazione: ad esempio, nuovi media, personal media, tecnologie mobili, sistemi embedded.
    • Settore museale: analisi di nuovi metodi di profiling, di misura della qualità e delle modalità di fruizione di spazi espositivi e di contenuti (musei, siti archeologici, science centre) da parte del pubblico. Viene discusso il ruolo delle tecnologie per “ambient intelligence”, per “interfacce intelligenti” (invisibili e non), per realtà virtuale e realtà aumentata.
    • Cenni su aspetti etici e di proprietà intellettuale in opere multimediali.
    • Problematiche relative al restauro di materiali multimediali: gli esempi del cinema e dei nastri di musica elettronica.

Risultati d'apprendimento previsti:

  • Sistemi e interfacce multimodali. Concetti, teorie e tecniche alla base delle recenti evoluzioni dei linguaggi multimediali, con particolare riferimento ai settori del teatro musicale, della musica, della danza, dei beni culturali, e dei settori emergenti nelle arti legati alle nuove tecnologie. Acquisizione di conoscenze di base sulla architettura software EyesWeb (www.infomus.org) per lo sviluppo di sistemi multimodali.

Propedeuticità:

  • Informatica, interaction design

Testi di studio:

  • I materiali didattici del corso verranno tratti anche da risultati di progetti - nazionali ed internazionali svolti dal Centro di Ricerca Casa Paganini – InfoMus (www.casapaganini.org), tra i quali le Reti di Eccellenza ENACTIVE e HUMAINE, il progetto UE Cultura 2007 CoMeDiA su networked performance, il progetto UE ICT SAME /a> su ascolto attivo di musica, il progetto EU Cultura MetaBody, il progetto ICT I-SEARCH su motori di ricerca multimodali e il progetto ICT MIROR per la didattica della musica attraverso embodiment e paradigmi riflessivi. Durante il corso verrà utilizzata l’architettura software EyesWeb , per esercitazioni e progetti svolti dagli studenti.